Latest Posts

amnesia haze thc

La canapa (Cannabis sativa), originaria probabilmente dell’Asia centrale, è considerato una delle più antiche piante coltivate, e perfino le sue proprietà farmacologiche sono note da millenni. Il THC, infatti, è il principale responsabile delle attività antidolorifiche, antinausea, antiemetiche , rilassanti e stimolanti dell’appetito attribuite alla marijuana; mentre il CBD aumenta le proprietà antidolorifiche di quest’ultimo, prolungandone la durata d’azione ed diminuendone al contempo gli effetti collaterali, in annotazione quelli a carico del sistema cardiovascolare e dell’ apparato respiratorio Inoltre, il CBD contribuisce alla defalco della pressione endooculare e è dotato d’interessanti proprietà anticonvulsive, sedative ed antipsicotiche.
semi lemon haze cbd il il suo primo composto scoperto all’interno delle piante di Cannabis, la ricerca ha già guadagnato promettenti risultati per una singola sua eventuale applicazione verso fini terapeutici: è stato infatti dimostrato che può agire efficacemente contro malattie croniche gravi e disturbi di varia natura, offrendo sollievo e riducendo i dolori laddove i convenzionali farmaci hanno fallito non possono essere utilizzati.
La Direzione Nazionale Antimafia nella sua relazione annuale del 2015 diceva che dalla cancellazione del reato di produzione e vendita delle droghe leggere, che rappresenta più della metà del mercato degli stupefacenti, il risparmio generato ammonterebbe a quasi 800 milioni di euro, in seguito alle minori spese tra magistratura, carcerari e quelle relative all’ordine pubblico ed alla sicurezza.
La pianta fa parte della famiglia delle Cannabaceae a cui appartengono due soli generi: l’Humulus (luppolo) e la Cannabis; da quest’ultima si ricavano alcune sostanze allucinogene, come l’hashish e la marijuana, e la canapa, una singola delle fibre più celebri in tutto il mondo.
Ancoran una tornata, l’obiettivo della lista quale fa a capo an Emma Bonino non dicono che sia promuovere l’uso della cannabis ma, piuttosto, regolamentarlo «per sottrarre profitti alle mafie e alla criminalità collegata alla produzione e allo spaccio e per sintetizzare il sovraffollamento delle carceri».
Entrambi hanno un potere terapautico, ma il THC, che ha un’efficacia maggiore, è anche una sostanza psicoattiva (quella che provoca il cosiddetto ‘sballo’) ed ha numerosi effetti collaterali che potrebbero verificarsi con il suo utilizzo (come paranoia, palpitazioni, crisi successo astinenza, ecc…).
Ecco quali pratiche burocratiche intermediarie intercorrono perché alla Asl arrivi il farmaco: per prima cosa bisogna spedire i due originali del consentito di importazione rilasciato dal Ministero della Salute della penisola al Ministero della Salute olandese, quindi l’Ufficio ancora oggi Cannabis medica del Ministero olandese chiede il permesso di esportazione verso l’Italia all’Ispettorato della Sanità Pubblica dei Paesi Bassi, che, una singola volta ricevuto, viene spedito alla ASL il contratto d’acquisto che deve esserci controfirmato dal Direttore Complessivo della Asl e reinviato via posta in Olanda, viene formalizzato il alleanza e si invia la fattura alla Asl, una volta pagato l’importo l’Ufficio per la Cannabis spedisce i farmaci.
La famiglia della paziente, rassicurata dall’usuale tollerabilità e dall’assenza degli effetti tossici generalizzati susseguenti alla chemioterapia, ha riposto la propria speranza in un’organizzazione che tratta diverse tipologie tumorali con olio di cannabis.
La legalizzazione della cannabis, secondo Mantero, consentirebbe in più «un risparmio dei costi legati alla repressione penale del fenomeno e riassorbirebbe buona parte dei profitti criminali del mercato triste, stimato in Italia osservando la circa 30 miliardi vittoria euro».
Il Canada appena ieri, 20 giugno, ha legalizzato l’uso di cannabis anche a scopo ricreativo, in Italia invece si fanno passi indietro persino sulla cannabis light, oppure quella con bassissima concentrazione vittoria Thc, il principio attivo che ti sballa” every intenderci, che deve restare sotto lo 0, 2%.
Come chiarito precedentemente, la legge prevede che l’agricoltore sia esente da qualsiasi responsabilità nel evento in cui il raccolto di canapa registri un tasso di THC fino allo 0, 6%: la circolare del Viminale esclude così rivenditori e rivenditori dall’imputabilità derivante dalla commercializzazione di cannabis oltre la soglia consentita dello 0, 2%.
La cannabis a carico del SSR (Sistema Sanitario Regionale), quindi gratuita per il mite, viene prescritta in circostanza di sclerosi multipla e tumori, dolore oncologico e cronico, trattamenti di chemioterapia, anoressia, HIV, glaucoma ed sindrome di Tourette.